Vai al contenuto

La Sigaretta elettronica Kiwi fa male?

sigaretta elettronica kiwi fa male?

Tempo di lettura 3 minuti

La Sigaretta elettronica Kiwi fa male? In questo articolo andremo a sfatare alcuni miti sulla sigaretta elettronica, riportando studi scientifici e pareri di esperti.

Sigaretta elettronica Kiwi: fa male?

Anticipando la risposta, possiamo dire che la sigaretta elettronica riduce il danno rispetto alle sigarette tradizionali del 95-98%.

La sigaretta elettronica Kiwi, come tutte le sigarette elettroniche, non fa male se utilizzata correttamente e con liquidi certificati.

Tuttavia, è importante ricordare che la sigaretta elettronica non è completamente priva di rischi e dovrebbe essere utilizzata in modo responsabile.

Riduzione delle sostanze nocive

Quando si fuma la sigaretta elettronica, si inala una base, aromi ed eventualmente nicotina. L’unico elemento nocivo, in questo caso, è la nicotina.

La grossa differenza tra lo svapo e il fumo tradizionale sta nell’assenza di tutte le altre 4.000 sostanze che la sigaretta classica contiene, o emette durante la sua combustione.

Rispetto alla sigaretta tradizionale quindi la sigaretta elettronica non fa male. Infine, va ricordato che nello svapo la nicotina non è necessaria e si può ridurre la sua presenza nel liquido sino ad annullarla.

LEGGI ANCHE: 5 Accessori indispensabili per la tua Kiwi

Sigaretta elettronica Kiwi: fa male? 1

Cosa dicono gli esperti

Umberto Veronesi, direttore scientifico dell’Istituto Europeo di Oncologia, ha dichiarato che svapare senza nicotina non fa male.

La ricerca scientifica su questa tecnologia è a favore di chi utilizza la sigaretta elettronica per disabituarsi all’abitudine del fumo. La sigaretta elettronica è vista come uno strumento per svolgere una campagna antifumo e diminuire il danno causato dal tabagismo.

LEGGI ANCHE: Migliori sigarette elettroniche da Guancia

Cosa dicono gli Studi scientifici

Studio dell’Istituto Pasteur di Lille

Uno studio condotto dall’Istituto Pasteur di Lille e finanziato dal National Cancer Institute ha comparato la composizione chimica degli aerosol prodotti dalle sigarette tradizionali, dai riscaldatori di tabacco e dalle sigarette elettroniche e i loro impatti tossici sulle cellule epiteliali bronchiali umane.

Dai risultati emerge che le sigarette tradizionali danneggiano la salute con un punteggio di 100, mentre i riscaldatori di tabacco (IQOS) sono dannosi con un punteggio di 23 e le sigarette elettroniche con un punteggio di 1.

Leggi lo studio completo in inglese: Comparison of the chemical composition of aerosols from heated tobacco products, electronic cigarettes and tobacco cigarettes and their toxic impacts on the human bronchial epithelial BEAS-2B cells

Studio indipendente de La Sapienza di Roma

Ricercatori dell’Università La Sapienza di Roma hanno esaminato le differenze nell’impatto sulla pressione arteriosa e sui vasi sanguigni tra sigarette elettroniche, il dispositivo di tabacco riscaldato e le sigarette tradizionali. Il risultato? Entrambi i dispositivi, che utilizzano tecnologie che consentono l’inalazione di nicotina evitando però i prodotti derivati dalla combustione, mostrano un impatto notevolmente inferiore sulla pressione arteriosa, sui vasi sanguigni e sullo stress ossidativo a livello cellulare.

Leggi studio completo in inglese: The Sapienza University of Rome‐Vascular Assessment of Proatherosclerotic Effects of Smoking

Conclusioni

In sintesi, possiamo dire che la sigaretta elettronica riduce il danno rispetto alle sigarette tradizionali del 95-98%. Questo è dovuto alla mancanza di combustione e alla possibilità di scegliere liquidi senza nicotina o con livelli di nicotina ridotti. Tuttavia, è importante ricordare che la sigaretta elettronica non è completamente priva di rischi e dovrebbe essere utilizzata in modo responsabile.

FAQ

  1. La sigaretta elettronica fa male? No, la sigaretta elettronica non fa male se utilizzata correttamente. Tuttavia, non è completamente priva di rischi.
  2. Sigaretta elettronica Kiwi: fa male? La sigaretta elettronica Kiwi, come tutte le sigarette elettroniche, riduce il danno rispetto alle sigarette tradizionali del 95-98%
  3. Cosa contiene il liquido per sigarette elettroniche? Il liquido per sigarette elettroniche contiene una base, aromi e, se scelto, nicotina.
  4. Cosa dice la ricerca scientifica sulla sigaretta elettronica? La ricerca scientifica sostiene che la sigaretta elettronica è un valido strumento per smettere di fumare e ridurre il danno causato dal tabagismo.
  5. La sigaretta elettronica contiene metalli? Gli studi hanno dimostrato che la contaminazione di metalli nel vapore della sigaretta elettronica non è significativa e non rappresenta un rischio per la salute.
  6. Cosa significa se un liquido per sigarette elettroniche è certificato CE? Se un liquido per sigarette elettroniche è certificato CE, significa che rispetta gli standard di sicurezza e qualità stabiliti dall’Unione Europea.

Diana Di Matteo

Diana è una giovane scrittrice e blogger italiana appassionata di sigarette elettroniche e tecnologia. Laureata in Lettere Moderne presso l’Università di Bologna, ha deciso di seguire la sua passione per la scrittura creando il suo blog personale. Condivide la sua esperienza nel mondo dello svapo, recensendo prodotti, dando consigli utili e tenendosi sempre aggiornata sulle ultime novità del settore.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *